Gara - ID 741 - ID SUAFF: 1716

Stato: Scaduta


Registrati o Accedi Per partecipare

Stazione appaltante DIPARTIMENTO SPORT E POLITICHE GIOVANILI
ProceduraAperta
CriterioQualità prezzo
OggettoServizi
affidamento in concessione del servizio di gestione dell'impianto sportivo capitolino sito in via Paolo Monelli, 42 - via Casal Boccone
CIG7648585
CUP
Totale appalto€ 72.000,00
Data pubblicazione 21/05/2021 Termine richieste chiarimenti Martedi - 29 Giugno 2021 - 12:00
Scadenza presentazione offerteMartedi - 06 Luglio 2021 - 12:00 Apertura delle offerteVenerdi - 16 Luglio 2021 - 10:00
Categorie merceologiche
  • 9261 - Servizi di gestione di impianti sportivi
Descrizioneaffidamento in concessione del servizio di gestione dell'impianto sportivo capitolino sito in via Paolo Monelli, 42 - via Casal Boccone
Struttura proponente
Responsabile del servizio Responsabile del procedimento Ziantoni Roberto
Allegati
Richiesta DGUE XML
File docx all-a1-dichiarazioni-via-monelli. - 51.83 kB
21/05/2021
File docx all-a2-dichiarazioni-via-monelli. - 64.74 kB
21/05/2021
File docx all-a3-avvalimento-concorrente-via-monelli. - 18.16 kB
21/05/2021
File docx all-a4-avvalimento-ausiliaria-via-monelli. - 21.19 kB
21/05/2021
File doc attestazione-di-sopralluogo - 143.50 kB
21/05/2021
File pdf dd-a-contrarre-via-monelli-n.-102-2021-exe - 87.65 kB
21/05/2021
File pdf 1.-bando-via-monelli-all-dd-signed - 382.07 kB
21/05/2021
File pdf 2.-disciplinare-di-gara-via-monelli-all-dd-signed - 690.86 kB
21/05/2021
File pdf 3.-capitolato-prestazionale-via-monelli-all-dd-signed - 1.49 MB
21/05/2021
File pdf 4.-schema-contratto-all-bando-via-monelli-signed - 706.89 kB
21/05/2021
File pdf 5.-stima-valore-concess-monelli-signed - 596.45 kB
21/05/2021
File pdf 6.-piano-manut-all-bando-via-monelli-all-dd-signed - 269.97 kB
21/05/2021
File pdf 7.-duvri-all-bando-via-monelli-all-dd-signed - 415.22 kB
21/05/2021
File pdf 8.-protocollo-integrit-sport-signed - 256.15 kB
21/05/2021
File pdf bando-via-monelli-rettifica-signed - 194.19 kB
16/06/2021
File pdf disciplinare-di-gara-via-monelli-rettifica-signed - 728.75 kB
16/06/2021
File pdf determinazione-dirigenziale-n.-152-2021 - 87.60 kB
21/06/2021

Lotti

Oggettoaffidamento in concessione del servizio di gestione dell'impianto sportivo capitolino sito in via Paolo Monelli, 42 - via Casal Boccone
CIG875774931a
Totale lotto € 72.000,00
Durata 72 Mesi
Descrizione affidamento in concessione del servizio di gestione dell'impianto sportivo capitolino sito in via Paolo Monelli, 42 - via Casal Boccone
Categorie merceologiche 9261 - Servizi di gestione di impianti sportivi
Ulteriori informazioni

Avvisi di gara

21/06/2021Modifica date procedura Aperta: affidamento in concessione del servizio di gestione dell'impianto sportivo capitolino sito in via Paolo Monelli, 42 - via Casal Boccone
Si comunica l'avvenuta modifica delle date relative la procedura in oggettoA seguire la tabella riepilogativa delle date aggiornateTermine richieste chiarimenti29/06/2021 12:00Scadenza presentazione offerte06/07/2021 12:00Apertura delle offerte16/07/2021 ...
16/06/2021AVVISO DI RETTIFICA DOCUMENTAZIONE DI GARA E PROROGA TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE
In relazione alla procedura in oggetto, si comunica che sono state apportate modifiche alla documentazione di gara e, di conseguenza, conformemente all'art. 79 del D.Lgs. 50/2016, è stato prorogato il termine di presentazione delle offerte sino alle ore ...

Chiarimenti

  1. 03/06/2021 18:58 - Con riferimento alla gara in oggetto, sottoponiamo i seguenti quesiti: 
    QUESITO 1
    Per quanto riguarda i requisiti di capacità economica e finanziaria (art. 7.2 del disciplinare), il disciplinare richiede “documentazione inerente un fatturato minimo annuo, nel triennio 2018-2019-2020, pari ad € 450.000,00 (in considerazione dei bassissimi fatturati degli impianti durante emergenza Covid-19) per la gestione d impianti sportivi similari”.
    Si chiede pertanto conferma che  l’importo indicato di € 450.000,00 sia da intendere quale fatturato minimo complessivo dell’intero triennio 2018-2019-2020 (come sembra dal tenero complessivo della locuzione), oppure come fatturato minimo annuo.

    QUESITO 2
    Per quanto riguarda i criteri di valutazione dell’offerta tecnica (art. 19 del disciplinare), ed in particolare quelli relativi al “programma di didattica sportiva”, il disciplinare prevede come criterio di valutazione “l’ampliamento delle discipline praticate negli spazi sportivi dell’impianto messo a bando” e come sub-criterio di valutazione “l’incremento di corsi”.
    Si chiede pertanto di sapere cosa si intende:
    a) per ampliamento delle discipline praticate negli spazi sportivi dell’impianto messo a bando”, ed in particolare se per individuare quali discipline sono praticate nell’impianto occorra far riferimento alla tipologia di campi esistenti nell’impianto, come elencati all’ art. 2 del capitolato;
    b) per “incremento corsi”, ed in particolare se l’incremento debba essere inteso in senso assoluto ossia come ore di corso offerte, ovvero come tipologia di corsi (e quindi di attività) offerti, e comunque se vi sia un parametro numerico rispetto al quale calcolare l’incremento. Ciò con riferimento a tutti e quattro i sub-criteri previsti per la valutazione del “programma di didattica sportiva”.

    QUESITO 3
    Per quanto riguarda l’ “impegno al rilascio della cauzione definitiva” previsto dal punto 11 del disciplinare, si chiede conferma che:
    a) la garanzia fideiussoria definitiva da presentare debba essere parametrata al valore della concessione indicato al punto 4.2 del disciplinare in € 1.350.000,00, ridotto del 50% per le microimprese, piccole e medie imprese e dei raggruppamenti di operatori economici o consorzi ordinari costituiti esclusivamente da microimprese, piccole e medie imprese;
    b) per tali ultimi operatori (microimprese, piccole o medie imprese) non sia obbligatorio il rilascio di tale impegno, ai sensi dell’art. 93, comma 8, D. Lgs. n. 50/2016

    QUESITO 4
    Per quanto riguarda “la manutenzione dell’impianto sportivo” a carico del concessionario (art. 29 del capitolato), si chiede conferma che per “manutenzione dell’impianto” sia da intendersi a carico del concessionario esclusivamente la manutenzione ordinaria, rimanendo invece a carico dell’Amministrazione capitolina la manutenzione straordinaria.



     


    1.L’importo indicato di € 450.000,00 è da intendere quale fatturato minimo complessivo dell’intero triennio 2018-2019-2020. 

    2. a) Nell’offerta tecnica i concorrenti potranno indicare tutte le discipline che, in caso di aggiudicazione, consentiranno di praticare sugli spazi sportivi esistenti
    2. b) Nell’offerta tecnica i concorrenti potranno indicare tutte le tipologie di corsi che attiveranno all’interno dell’impianto sportivo, compatibilmente con le discipline sportive praticabili all’interno dell’impianto.

    3. a) La garanzia fideiussoria definitiva da presentare in caso di aggiudicazione deve essere parametrata al valore della concessione indicato al punto 4.2 del disciplinare in € 1.350.000,00,
    3. b) Si conferma che per tali ultimi operatori (microimprese, piccole o medie imprese) non è obbligatorio il rilascio dell’impegno, ai sensi dell’art. 93, comma 8, D. Lgs. n. 50/2016. È tuttavia obbligatoria la presentazione, in caso di aggiudicazione, della garanzia di cui all’art. 103 del medesimo Codice.

    4. Si rinvia all’art. 29 del capitolato prestazionale, ove è stabilito che la manutenzione immobiliare come definita dalla norma UNI-EN 15331: 2011, dell’intero impianto sportivo è a completo ed esclusivo carico del Concessionario.
    17/06/2021 12:06
  2. 22/06/2021 16:20 - 1) nella busta A – Amministrativa occorre inserire, tra l’altro, la “Dichiarazione dell’oggetto, dell’importo e del perido di esecuzione della gestione, allegando originale o copia conforme dei certificati rilasciati”. Vorrei capire di che dichiarazione si tratta, nonchè a quali certificati ci si riferisce; 

    2) vorrei sapere se, in caso di RTI, l’importo indicato di € 450.000,00 quale fatturato minimo complessivo dell’intero triennio 2018-2019-2020 debba essere posseduto dalla sola mandataria oppure cumulativamente da tutte le partecipanti.

     


    Si rinvia agli art. 7.4 e 15 del Disciplinare di gara.
    30/06/2021 08:56
  3. 10/06/2021 19:56 - Facendo seguito alle precedenti richieste (di cui per comodità si continua la numerazione dei quesiti posti) si chiedono chiarimenti su seguenti ulteriori aspetti: 

    QUESITO 5
    Per quanto riguarda i requisiti di capacità economica e finanziaria (art. 7.2 del disciplinare), il disciplinare richiede “documentazione inerente i conti annuali che evidenzi in particolare i rapporti tra attività e passività relativamente alle annualità 2018-2019 -2020”.
    Si chiede conferma che a tali fini, relativamente all’annualità 2020, sia sufficiente allegare il bilancio provvisorio, laddove non fosse ancora disponibile quello definitivo.

    QUESITO 6
    Per quanto riguarda l’impegno al rilascio della cauzione definitiva, l’art. 11 del disciplinare prevede che “non è richiesta la garanzia provvisoria”, mentre il successivo art. 24 sembra presupporne la presentazione prevedendo che “all’atto della stipulazione del contratto, l’aggiudicatario presenta la garanzia definitiva […]. Contestualmente, la garanzia provvisoria dell’aggiudicatario è svincolata, automaticamente, ai sensi dell’art. 93, commi 6 e 9 del Codice”.
    Si chiede pertanto conferma che quanto previsto dall’art. 24 del disciplinare con riferimento alla “garanzia provvisoria” sia un mero refuso, e che invece:
    a) ai fini della partecipazione alla gara non sia richiesta la presentazione di garanzia provvisoria;
    b) tale dichiarazione di impegno non sia obbligatoria per le microimprese, piccole e medie imprese e per i raggruppamenti di operatori economici o consorzi ordinari costituiti esclusivamente da microimprese, piccole e medie imprese, ai sensi dell’art. 93, comma 8, D. Lgs. n. 50/2016.

    QUESITO 7
    Per quanto riguarda le fasce e gli orari di apertura al pubblico dell’impianto oggetto di gara, l’art. 23 del capitolato prevede che il concessionario debba garantire l’apertura dell’impianto al pubblico “dal lunedì al sabato, in misura non inferiore alle ore giornaliere indicate nell’offerta tecnica presentata in sede di gara”, mentre il successivo art. 27 stabilisce che debba essere assicurata “l’apertura regolare, anche nel periodo estivo, delle strutture sportive per almeno 12 ore giornaliere (dal lunedì alla domenica), con orario di apertura tra le 8.00 e le 23,30”.
    Si chiede pertanto un chiarimento in ordine alle fasce orarie e ai giorni di apertura minima dell’impianto che dovrà essere garantita, ed in particolare se l’apertura al pubblico debba essere garantita dal lunedì al sabato, ovvero dal lunedì alla domenica.
    Inoltre si chiede se la fascia oraria 08.00 – 23.30 (art. 27 capitolato) costituisca un limite, ovvero possa essere offerta anche una apertura per una fascia più lunga anche di 24 ore su 24.

    QUESITO 8
    Per quanto riguarda il contenuto dell’offerta tecnica, l’art. 16 del disciplinare prevede che “per ogni elemento indicato nell’ultima colonna di destra della tabella di cui al successivo punto 19 (criteri di valutazione dell’offerta tecnica ed economica), i concorrenti dovranno indicare una propria proposta migliorativa con riferimento a tutti gli elementi cui sarà attribuito il relativo perso per l’attribuzione del punteggio”.
    L’ultima colonna di destra della tabella di cui al punto 19 del disciplinare contiene tra i vari “elementi di qualità” e i relativi “sub-criteri e punteggio massimo attribuibile”, i seguenti punti:
    1) A.3: “promozione del servizio – comunicazione”
    2) C: “programma di attività a carattere sociale, ricreativo, ludico e sportivo”.
    Con riguardo ai suddetti punti si chiede se vi sia un requisito minimo di base sul quale predisporre la proposta migliorativa di cui all’art. 16.
     


    QUESITO 5
    Si precisa che la prova della capacità economica e finanziaria dell’operatore economico può essere fornita mediante uno o più mezzi di prova indicati nell’allegato XVII, parte I. L’operatore economico che per fondati motivi non è in grado di presentare le referenze chieste dall’amministrazione aggiudicatrice è autorizzato a provare la propria capacità economica e finanziaria mediante un qualsiasi altro documento considerato idoneo dalla stazione appaltante.

    QUESITO 6
    Si conferma che:
    a) ai fini della partecipazione alla gara non è richiesta la presentazione di garanzia provvisoria;
    b  per microimprese, piccole e medie imprese e per i raggruppamenti di operatori economici o consorzi ordinari costituiti esclusivamente da microimprese, piccole e medie imprese non è obbligatorio il rilascio dell’impegno, ai sensi dell’art. 93, comma 8, D. Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii..
    E’ tuttavia obbligatoria la presentazione, in caso di aggiudicazione, della garanzia di cui all’art. 103 del medesimo Codice.

    QUESITO 7
    Si conferma che la fascia oraria 8,00-23,30 costituisce un limite.  Si rappresenta che il punto ristoro, in nessun caso potrà essere aperto oltre gli orari ed i giorni di apertura dell’impianto, e l’attività di somministrazione dovrà perentoriamente essere rivolta ai soci dell’impianto ovvero agli utilizzatori dello stesso durante le manifestazioni agonistiche.

    QUESITO 8
    Il Disciplinare non prevede un requisito minimo, tuttavia nel caso in cui l’offerta del concorrente non raggiungerà il punteggio relativo alla soglia minima di qualità dell’offerta, sarà escluso dalla gara.
    Si rappresenta altresì che l’offerta tecnica, in caso di aggiudicazione formerà parte integrante e sostanziale del contratto di gestione e del capitolato prestazionale, i livelli di prestazione offerti dall’aggiudicatario dovranno essere mantenuti per tutta la durata della concessione.



     
    30/06/2021 08:58
  4. 25/06/2021 13:37 - Buongiorno, vorrei porre i seguenti quesiti:

    1) se le Onlus possono partecipare all’interno di un RTI costituendo, eventualmente anche con il ruolo di mandataria;
    2) se, in caso di RTI costitendo, i requisiti di idoneità professionale (come da par. 7.1. del disciplinare di gara) concernente l’iscrizione al Registro delle Imprese della CCIA debba essere posseduto da tutte le componenti del RTI costituendo; 
    3) se, in caso di RTI costituendo, le dichiarazioni di Istituti di credito (come da par. 7.2.) possano essere ripartite come segue: 1 dichiarazione prodotta dalla mandataria; 1 dichiarazione prodotta da una delle mandanti;
    4) se, in caso di RTI costituendo, sia sufficiente il sopralluogo effettuato dal legale rappresentante/delegato della mandataria, oppure se debbano necessariamente effettuare il sopralluogo tutte le partecipanti del RTI costituendo. 

    Saluti. Grazie. 


    1) Si, fermo restando il posssesso dei requisiti previsti dal Disciplinare di gara
    2) Si confermano le indicazioni per i raggruppamenti temporanei, consorzi ordinari, geie, aggregazioni di imprese di rete di cui al paragrafo 7.4 del Disciplinare di gara, per cui nei raggruppamenti temporanei, la mandataria deve, in ogni caso, possedere i requisiti ed eseguire le prestazioni in misura maggioritaria ai sensi dell’art. 83, comma 8 del D.Lgs. n. 50/2016.
    3) Tale requisito deve essere posseduto dal raggruppamento temporaneo nel suo complesso.
    4) Come stabilito dal Disciplinare di gara: in caso di raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario non ancora costituiti, aggregazione di imprese di rete di cui al punto 5 lett. c) non ancora costituita in RTI, il sopralluogo è effettuato da un rappresentante legale/procuratore/direttore tecnico di uno degli operatori economici raggruppati, aggregati in rete o consorziati o da soggetto diverso, purché munito della delega di tutti detti operatori. In alternativa l’operatore raggruppando/aggregando/consorziando può effettuare il sopralluogo singolarmente.

     
    01/07/2021 16:33

Registrati o Accedi Per partecipare

Logo Governance e capacita istituzionale 2014-2020 TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@tuttogare.it - (+39) 02 40 031 280

Attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00

ROMA CAPITALE

Direzione Generale - Centrale Unica Appalti - p.zza G. da Verrazzano, 7 Roma (RM)
Tel. - per ogni tipo di informazione, gli operatori economici devono chiamare esclusivamente il numero 02-40031280) - Fax. 06.4115333 - PEC: ---